impresa funebre

Come organizzare il trasporto della salma con l’impresa funebre

Il trasporto della salma è regolamentato da una specifica normativa che prevede l’impiego di appositi veicoli delle agenzie di pompe funebri. È preclusa l’eventualità di effettuare il trasporto della persona deceduta con mezzi privati. L’impresa funebre dispone di veicoli appositi e di personale in divisa per effettuare il trasporto nel Comune e fuori dal Comune. Può essere delegata per la richiesta al Comune di residenza del documento di autorizzazione al trasporto, con presentazione dell’apposito modulo. Il coniuge o un parente prossimo alla persona cara sono i soggetti autorizzati alla domanda di autorizzazione al trasporto.

Servizio di trasporto funebre

Il servizio di trasporto della persona defunta può essere compiuto per differenti tragitti:

  • Trasporto dal domicilio, dalla casa di riposo e dall’ospedale;
  • Trasporto alla chiesa o al luogo delle esequie;
  • Trasporto verso il cimitero;
  • Trasporto a cassa aperta: è la possibilità di trasportare la salma dal luogo del decesso al luogo della veglia, ad esempio la camera ardente allestita nell’agenzia di pompe funebri. L’autorizzazione per il trasferimento viene rilasciata dal Comune e il trasporto è effettuato in forma privata.

È prevista, per il trasporto della salma in un cimitero di un altro Comune rispetto al Comune di residenza, la richiesta di un’autorizzazione. Il coniuge o un parente prossimo hanno il compito di presentare domanda al sindaco del Comune oppure possono delegare l’agenzia di pompe funebri. È consentito, dopo la cremazione, l’utilizzo di mezzi privati dei familiari in alternativa ai veicoli dell’impresa funebre per il trasporto dell’urna funeraria.


necrologi busto arsizio

Come detrarre il costo dei necrologi a Busto Arsizio dalle spese funebri

La pubblicazione dei necrologi a Busto Arsizio è la comunicazione pubblica della perdita di una persona cara. Gli amici e i conoscenti sono informati dell’evento luttuoso, per poter partecipare alle esequie e per esprimere la propria vicinanza alla famiglia in una triste circostanza. L’agenzia di pompe funebri fornisce il servizio di pubblicazione del necrologio, sui giornali locali e nazionali e sul web.

Il costo per le pubblicazioni del necrologio rientra nella categoria delle spese funerarie detraibili. Dopo la morte di una persona, sono considerate deducibili dal Modello 730 o dal Modello Redditi le spese funerarie sostenute e documentate dell’importo massimo di 1.550 €. Non possono essere inclusi nella categoria tutti i costi sostenuti prima del decesso, ad esempio per acquistare un loculo cimiteriale.

Sono inclusi tra le spese funebri, oltre al costo per la pubblicazione dei necrologi:

  • Costo della lapide;
  • Costo delle composizioni floreali;
  • Costo del trasporto funebre e per la sepoltura, con documentazione rilasciata dall’agenzia di pompe funebri;
  • Versamento dei diritti cimiteriali al Comune.

Le spese funerarie sono detraibili da più persone, nel caso in cui abbiano effettuato il pagamento. Se nella documentazione è indicata un’unica persona, è necessario precisare in un’annotazione il nome degli altri soggetti oltre all’intestatario. Ogni persona deve ricevere una copia della documentazione, con una nota sottoscritta dall’intestatario. Il periodo di riferimento per la detraibilità della spesa è determinato dalla data dell’effettivo esborso di cassa, per il pagamento della fattura o della ricevuta.


onoranze funebri Varese

Onoranze funebri Varese, personalizzazione dei ricordi a lutto del defunto

La morte di una persona cara pone i familiari e gli amici di fronte all’amara consapevolezza che non ci sarà più alcun abbraccio o risata ad alimentare l’affetto che si nutre per il caro estinto.

Il desiderio di mantenere vivo il ricordo del defunto è qualcosa di naturale che può trovare un aiuto concreto nei servizi funebri di un’impresa di onoranze funebri. Solitamente si tratta di una forma di evocazione affidata all’agenzia di onoranze funebri di Varese o altre città a cui è stata demandata l’organizzazione dei funerali e l’espletamento di tutte quelle pratiche burocratiche e amministrative correlate al trasporto del feretro, al rito funebre e alla sepoltura.

L’agenzia di pompe funebri incaricata illustra con rispetto e discrezione le diverse proposte di modelli e formati dei ricordi a lutto del defunto in modo da creare un oggetto, segno indelebile del passaggio della persona cara sulla Terra.

Il personale dell’agenzia avvia un servizio di progettazione, fotoritocco e personalizzazione di una fotografia a cui la famiglia è particolarmente legata o che ritrae la persona scomparsa in momento felice della sua vita. È possibile pensare che l’oggetto possa essere accompagnato anche da una frase intima e personalizzata o uno stralcio di una poesia o un brano che evoca il ricordo e/o i pregi della persona scomparsa.

Non è raro però che il dolore del lutto ostacoli la concentrazione necessaria a scegliere le parole più giuste per ricordare il caro estinto.

Questo compito gravoso viene raccolto dall’ impresa funebre che si impegna a definire i dettagli dei ricordi e a distribuirli a mano a familiari e amici o a spedirli in busta chiusa.


pompe funebri varese

Quali oggetti possono essere deposti nel feretro dall’agenzia di pompe funebri a Varese?

Il dolore per la morte di una persona cara può trovare conforto nella possibilità di riporre ricordi e oggetti personali nel feretro, prima della sepoltura. È un omaggio per l’eternità, dal valore simbolico. È bene riflettere sull’importanza di alcuni oggetti e sul fatto che non potranno essere recuperati. Ad esempio i gioielli inclusi nell’eredità di famiglia oppure gli oggetti unici e insostituibili sono da vagliare con cura, smorzando lo slancio dettato dall’emozionalità dovuta all’evento luttuoso.

Oggetti da mettere nel feretro

L’agenzia di pompe funebri a Varese ha il compito di collocare nel feretro gli oggetti consegnati dalla famiglia. In generale la scelta predilige le fotografie di famiglia, i messaggi scritti, i libri, le fedi nuziali, le medaglie, i simboli religiosi e altri oggetti rilevanti per la persona deceduta. È consigliabile fare una copia di alcuni documenti quali le foto di famiglia, per conservare gli originali e poter condividere i ricordi con i familiari. Oltre agli oggetti, è consentito mettere dei fiori nelle tasche dell’abito o nel feretro, per accompagnare la salma nella sepoltura. Sono da evitare i generi alimentari o i liquidi.

Oggetti esclusi per la cremazione

L’esclusione degli oggetti pericolosi è la prassi. I pacemaker e tutti i dispositivi con funzionamento a batteria possono dare origine a un’esplosione, quindi devono essere rimossi prima della cremazione. Gli oggetti in memoria della persona deceduta e della sua famiglia a rischio di esalazioni tossiche non possono essere riposti nel feretro.