cremazione varese

Cremazione a Varese: come funziona, quanto costa e perché farla

Anche se in Italia ci sono ancora un po’ di pregiudizi a riguardo, la cremazione a Varese è una pratica molto diffusa. A ragione, ci permettiamo di aggiungere, perché si tratta di un procedimento assolutamente in linea con l’etica e l’ecologia. Vediamo insieme perché, come funziona e quali sono i costi orientativi. 

Cremazione: di cosa si tratta

Cominciamo col dire che la cremazione consiste nel trasformare una salma in cenere. Questo procedimento avviene in un forno chiamato forno crematorio, al cui interno si inserisce l’intero feretro (con la salma all’interno). Il forno crematorio è composto da due aree distinte, separate tra loro da un materiale specifico, detto “refrattario”. La combustione del corpo può avvenire in diversi modi: il più diffuso è quello che prevede il surriscaldamento delle pareti del forno attraverso resistenze elettriche o a gas, ma ci sono forni che sfruttano direttamente la fiamma diretta. In ogni caso, la temperatura di un forno crematorio può raggiungere anche i 1000 gradi di temperatura. 

Il feretro viene inserito nella parte superiore del forno attraverso una guida metallica che fa scorrere direttamente la bara all’interno: a questo punto, il forno è già predisposto e la cremazione si avvia istantaneamente. A cremazione avvenuta, le ceneri cadranno nella parte inferiore del forno. Il processo, ovviamente, richiede qualche ora. 

Raccogliere e separare le ceneri 

Quando le ceneri cadono nella parte inferiore, una calamita posta all’interno del forno separerà i resti metallici dalle ceneri vere e proprie. Le ceneri risultanti dal processo saranno poi raccolte e conservate all’interno di un’urna, che a seconda delle esigenze sarà sigillata oppure no. 

La sigillatura è obbligatoria per legge se si tratta di conservarle in un cimitero o nella propria abitazione (previa richiesta approvata dal comune di residenza), altrimenti è possibile avviare le pratiche per la dispersione delle ceneri, che deve avvenire in luoghi deputati e segnalati dal comune stesso (per questioni principalmente igieniche, ovviamente). 

Cremazione a Varese: i costi orientativi 

La cremazione può avvenire sia tramite richiesta al comune che attraverso un’agenzia di pompe funebri, che si preoccuperà personalmente di sbrigare al vostro posto tutte le pratiche relative alla procedura richiesta. I costi sono più o meno elevati, ma comunque nettamente inferiori rispetto alla tumulazione ordinaria. Le cifre, comunque, possono oscillare tra i 500 e i 1000€.  

Perché la cremazione 

Veniamo adesso alla domanda più importante. Perché scegliere la cremazione? Innanzitutto, perché lo spazio nei cimiteri comincia a scarseggiare, quindi potrebbe essere utile ovviare a questa problematica già mentre siamo in vita. Inoltre, una salma ha un impatto ambientale notevole, che si ridurrebbe sensibilmente se tale salma si trasformasse in cenere. Infine, a seguito di una cremazione potreste disporre la dispersione delle ceneri, magari in un posto che vi piace tanto (sempre previa conferma del comune). Tanti vantaggi in uno, così tanti che dovreste davvero tenerla in considerazione.